Progettazione e installazione sistemi di recupero acqua piovana

L’acqua è una risorsa preziosissima per il mondo, troppo importante per essere

sprecata e troppo vitale per non utilizzarne ogni goccia; consapevoli dalla sua preziosità, gli uomini hanno sempre cercato di raccogliere acqua piovana per poterla riutilizzare a bisogno e proprio per questa ragione, con l’evoluzione della tecnologia, sono stati ideati sistemi di raccolta e recupero di acqua piovana.

Secondo dati Istat, in Italia, il consumo medio di acqua potabile giornaliero stimato è intorno ai 150 litri pro-capite e potrebbe essere ridotto con accorgimenti e strumenti adatti. La raccolta, recupero, filtrazione e riutilizzo dell’acqua piovana per usi domestici che non richiedono acqua potabile come il risciacquo dei WC, il lavaggio della biancheria in lavatrice, l’irrigazione di orti, giardini e terrazzi o il lavaggio di auto e pavimentazioni, può determinare un risparmio della bolletta annuale dell’acqua (del 50% circa) e del consumo d’acqua potabile.

I sistemi di raccolta di acqua piovana consentono di convogliare le acque piovane all’interno di tubi che conducono a un filtro e poi in un serbatoio di accumulo. I filtri di depurazione dell’acqua, pur essendo di diverse tipologie, hanno l’obiettivo di depurare le acque, rimuovendo le impurità come foglie e pietrisco. Il serbatoio adibito per l’accumulo e il recupero delle acque può essere differente a seconda della posizione in cui verrà collocato (all’interno dell’edificio, interrato, etc.), della capienza, della forma e del materiale da cui è composto.

CAS TECNOLOGIE propone servizi di installazione sistemi e impianti di recupero di acqua piovana delle migliori marche, selezionando i prodotti più efficienti e duraturi presenti sul mercato. Il personale specializzato studierà la migliore soluzione in base al budget e ai consumi dell’abitazione, consentendo ai clienti di Modena, Bologna e Reggio Emilia di risparmiare sulla bolletta e di ottimizzare il sistema di raccolta dell’acqua.

RECUPERO ACQUA PIOVANA:UNA SCELTA ECONOMICA ED ECOLOGICA

Il risparmio idrico è una pratica sostenibile che tutti, in casa o in azienda, dovremmo attuare per evitare lo spreco di una preziosissima e, purtroppo, quasi sempre più scarsa risorsa naturale.Questa pratica non solo ci farà risparmiare in bolletta , ma ci permetterà di non sprecare la nostra principale fonte di vita.Uno dei problemi principali, infatti, è che utilizziamo nelle nostre case acqua potabile anche per usi per i quali non necessita (innaffiare orti, lavare automobili, riempire piscine) e per i quali potremmo impiegare con successo il recupero dell’acqua piovana.

acqua-rubinettoladybug-574971_960_720

L ACQUA UN BENE PREZIOSO FIN DALL’ANTICHITA’:

L’approvvigionamento dell’acqua nelle civiltà antiche del Mediterraneo ha svolto un ruolo sempre centrale a cui ha corrisposto la ricerca di soluzioni e di dispositivi efficienti di captazione, conservazione e uso oculato.Una testimonianza importante del concetto per il reciclo dell acqua piovana lo si trova a POMPEI, dove gli antichi etruschi e romani ,architetti e ingegneri all’ avanguardia ed eccellenti, costruirono cio che oggi corrisponde alla cisterna e che all’epoca era l’ IMPLUVIO

Impluvium (dal lat. in = all’interno e pluvia = pioggia), era una vasca quadrangolare a fondo piatto progettata per raccogliere l’acqua piovana e si trovava nell’atrio, un locale all’interno di una tipologia di abitazione (domus) diffusa tra i greci, gli etruschi ed i romani.

Nell’impluvium confluiva l’acqua piovana, per questo era collocato in corrispondenza del compluvium, cioè l’apertura di solito centrale nel tetto, da dove entrava la luce solare che illuminava di riflesso tutte le stanze adiacenti.L’impluvium era incassato di circa 30 cm al di sotto del piano del pavimento e spesso era collegato ad una cisterna nella quale veniva immagazzinata l’acqua in eccesso, a cui si poteva ricorrere nei momenti di necessità; l’acqua della cisterna fungeva anche da regolatore termico della casa nei periodi di calura eccessiva

800px-villa_san_marco_2